Bagno, quando vasca e doccia diventano un’unica soluzione

vasca doccia

Vasca doccia “Era Box” Hafro Geromin

Meglio il box doccia o la vasca da bagno? Spesso questa è una scelta difficile da prendere, dal momento in cui il loro utilizzo risponde per forza di cose ad esigenze diametralmente opposte: la vasca è per lo più pensata per coloro i quali amano i bagni rilassanti e protratti nel tempo, ma è utile anche per lavare i bambini o per sostenere le vaschette nel bagnetto dei neonati; il box doccia risponde invece ad esigenze differenti, ossia a quelle di chi preferisce lavarsi in maniera facile, pratica e veloce senza perdere troppo tempo (e garantendosi così anche un notevole risparmio di acqua).

Il problema, però, sorge quando si ha bisogno tanto della prima quanto della seconda soluzione, anche se grazie alle idee più moderne di design, ecco che oramai trovare una vasca/doccia già pronta all’acquisto non è affatto una cosa impensabile! A livello di arredo, dunque, nessun problema: l’unica questione che resta semmai da valutare è quella che riguarda le tubature dell’appartamento, che a seconda della soluzione scelta per il nostro bagno potrebbero dover essere oggetto di modifica.

Chi possiede già una vasca da bagno, invece, può intervenire semplicemente apportando una piccola modifica per trasformare questa vasca anche in un vero e proprio box doccia: in primo luogo bisogna fissare al muro una colonna doccia su cui appenderci il doccino che spesso viene dato in dotazione con la vasca, e in un secondo momento possiamo ergere una sorta di porta attorno la vasca che ricostruisca un tipico box doccia.

Attenzione però, perchè in entrambi i casi vanno valutate diverse cose prima di passare al lato operativo della questione: per esempio, nel caso della colonna doccia, se desideriamo arricchire la vasca con un soffione fisso che simuli in maniera quanto più autentica una doccia, allora bisognerà effettuare tutto un lavoro idraulico più profondo che modifichi i passaggi degli scarichi e li colleghi all’uscita a muro.

Per quanto riguarda il secondo aspetto, ossia quello della parete, bisogna invece considerare che ci sono diverse alternative disponibili: possiamo ricostruire la parete di un box doccia semplicemente con una tendina (che però si macchia facilmente e risulta davvero molto spartana e antiestetica), oppure possiamo dotarci di pannelli in vetro o in plexiglass che chiudano in maniera più gradevole la doccia e che ne isolino gli schizzi d’acqua in maniera sicura.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi