Pavimento in cotto: come pulirlo per preservarne il fascino

pavimento in cotto

Il cotto è uno dei materiali più pregiati che si possano trovare nelle case, ma per mantenerlo bello bisogna dotarsi di santa pazienza e pulirlo come si deve. Per la serie “chi bello vuole apparire un po’ deve soffrire”, il pavimento in cotto non rappresenta solo un investimento economico ma lo è anche in termini di manutenzione: a differenza di molti altri materiali, il cotto, essendo per sua stessa natura molto poroso, assorbe facilmente lo sporco e l’unto e di conseguenza perde facilmente di bellezza se non viene pulito con una certa costanza. Inutile quindi mettere sotto sopra casa per cambiare il pavimento classico in un pavimento in cotto se poi non ci si mette in testa che lo si dovrà mantenere a suon di pulizie e di tanta tanta cura!

Insomma, più frequentemente si pulisce il cotto e con meno macchie ci sarà da combattere. Pulirlo una volta al giorno per evitare che le macchie possano non solo comparire, ma addirittura sedimentare e diventare ostiche da trattare, è quindi la soluzione preferibile su tutte quante. E’ chiaro però che non sempre c’è il tempo o l’occasione giusta per farlo, pertanto in questi casi è sufficiente usare un po’ di ragionevolezza e pulire non appena si può. Ma come bisogna trattare un pavimento tanto particolare quale è il cotto?

Proprio per via della sua particolarità, nei primi mesi successivi alla posa l’ideale sarebbe effettuare dei trattamenti specifici che possano preparare il cotto al nuovo ambiente e quindi anche al rischio macchie. Bisogna in sostanza renderlo impermeabile.

E’ pure vero però che da un po’ di anni a questa parte ormai il cotto non va più di moda nella sua forma più tradizionale, più vera. Le soluzioni di oggi giorno propongono infatti dei rivestimenti ultraresistenti (come il gres) che da un lato hanno snaturato la vera natura del cotto, ma che dall’altro gli hanno garantito una maggiore resistenza, una maggiore efficienza e anche una maggiore flessibilità sul fronte del trattamento. Chi ha un cotto di ultima generazione, quindi, non ha bisogno di effettuare un trattamento mirato.

Tuttavia se di mezzo c’è il cotto antico, allora diventa sì indispensabile proteggerlo con prodotti ad hoc! In commercio ne esistono di diversi che potete trovare anche con una certa facilità: i prodotti che trattano il cotto generalmente costano un po’ di più rispetto alla media dei detersivi più comuni, ma vi garantiranno proprio per questo un’azione davvero efficace come vogliate che sia!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.