Una guida all’acquisto di tessuti ecologici per la casa

tende

Dagli abiti che vengono indossati fino ai tessuti sul divano e sulle tende, spesso c’è di più in ciò che rende un tessuto “sostenibile” di quanto si possa pensare. Ad esempio, l’acquisto di una T-shirt in cotone organico al 100% sembra una scelta ecologica, ma anche quello organico viene raccolto e utilizza molta acqua per essere prodotto. Poi ci sono i coloranti usati per colorare la camicia, che richiede una copiosa quantità di acqua e in genere contengono ingredienti tossici che possono danneggiare i corsi d’acqua e la vita marina quando scaricati durante la produzione.

Quindi, cosa deve fare un consumatore eco-consapevole? In un mondo ideale, deve essere consapevoli dell’intero processo di un prodotto, che va dalla raccolta alla produzione e fino alla spedizione; solo in questo modo riconoscerebbe l’impatto che questi processi possono avere sulla salute umana, all’interno delle nostre e sull’ambiente prima di effettuare un acquisto. Naturalmente, il problema è che valutare e vagliare ogni set di asciugamani da bagno, lenzuola e tende non è sempre un processo facile o veloce. Proprio come lo shopping a favore degli alimenti “più sani” nel negozio di alimentari, la quantità di informazioni da considerare prima di acquistare può essere travolgente.

Fortunatamente, ci sono diverse modi che aiutano il consumatore a diventare consapevole di ciò che acquista, i quali certificano che i produttori tessili e per la casa producono i loro articoli in modo sostenibile.

La prossima volta che si acquistano tessuti per l’arredo di casa, da un nuovo paio di asciugamani alle lenzuola per i letti di casa, assicurarsi di cercare tag o sigilli di approvazione da parte di alcune organizzazioni, le quali stabiliscono lo standard per la certificazione delle fibre organiche, concentrandosi anche sugli standard ambientali e sociali nell’industria tessile. Inoltre, vietano l’impiego di bambini, l’uso di organismi geneticamente modificati e sostanze chimiche altamente pericolose. Inoltre, hanno anche stabilito severi requisiti per il trattamento delle acque reflue.

Tra queste organizzazioni, ci sono quelle che mirano a proteggere la vita dei coltivatori di cotone di tutto il mondo. Fissano prezzi minimi per il cotone e aiutano a migliorare le condizioni di vita e di lavoro degli agricoltori. Mirano anche a porre fine alla pratica del lavoro minorile nelle industrie del tappeto e della tessitura in India, Nepal e Afghanistan. L’organizzazione aiuta a salvare i bambini spesso impiegati nella produzione di questi articoli e offre loro l’opportunità di continuare la loro istruzione.

Altre organizzazione si pongono a difesa del benessere degli animali utilizzati nel settore delle piume, garantendo che le oche o le anatre non vengano spennate vive e che vivano in condizioni umane. I consumatori possono chiedere ai propri rivenditori il metodo di tracciamento del piumino (cuscini, trapunte, ecc.) o utilizzare il Web per trovare aziende certificate.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi