Living room: come ottenere lo spazio che (in realtà) non avete

living room

Come si fa ad ottenere il maggior spazio possibile all’interno di una living room? Per rispondere a questa domanda è chiaro che bisogna cominciare a puntare il dito verso la mobilia, perché fino a prova contraria sono i mobili quelli che tendono a decretare lo spazio che rimane a disposizione degli utenti. Di conseguenza, prima di scegliere l’arredamento valutate un po’ la situazione, quindi gli spazi che avete effettivamente a disposizione, quelli che vorreste tenere per voi e quelli che invece siete disposti ad occupare con i mobili.

Il punto, infatti, sta proprio nel cercare un compromesso tra le varie necessità. Sappiate comunque che lo spazio potete crearlo anche laddove non pensate sia possibile ottenerlo.

Per esempio, tra divano e televisione potete lasciare un vuoto da occupare magari con un piccolo tavolino, utile per dare tono alla stanza e per appoggiarvi sopra un bicchiere, un libro o comunque sia cose “di poco conto”. Il segreto dell’ottimizzazione degli spazi sta infatti nel riuscire a calibrare le varie aree di una stanza, e soprattutto, nel riuscire a rinunciare a qualcosa. In questo caso, per non chiudere troppo l’ambiente e per non precludervi la possibilità di spostarvi con una certa agilità, avete deciso di rinunciare al classico tavolo con sedie optando per un più semplice tavolino di design. Le rinunce, in sostanza, sono un po’ una costante per chi non può contare su spazi molto ampi.

Sappiate però che potete anche sfruttare il colore per dare ampiezza e luminosità a un dato locale. Per esempio, puntare sul bianco o su colorazioni pastello chiare è sempre un po’ una garanzia per chi è alla ricerca di “illusioni ottiche” (specie per chi vuole appunto “illudere” che una stanza sia più grande di quanto non lo sia nella realtà). In questo discorso si inserisce anche il pavimento, che dovrebbe preferibilmente essere a tinta unita e creare continuità con gli altri vani.

Infine, i muri. Apporre sulle pareti troppi gadget, siano essi quadri, poster, foto, orologi o quant’altro, dà la sensazione di un ambiente ovattato, di un ambiente nel quale non si riesce a respirare. Tenete quindi i muri il più possibile liberi dalle cianfrusaglie.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi