Gli ultimi gadget high-tech per la cucina

domotica

Nessuna stanza in una casa intelligente ispira più innovazione della cucina. Di seguito, abbiamo raccolto alcuni degli ultimi progressi nell’attrezzatura culinaria, sia per gli chef amatoriali che per quelli professionisti.

GE Kitchen Hub

Il GE Kitchen Hub è un pannello posizionato centralmente che aiuta a migliorare gli exploit culinari. Con un touchscreen da 27 pollici Wi-Fi e un Bluetooth che si trova direttamente sopra i fornelli, il GE Kitchen Hub non solo offre agli utenti la possibilità di gestire tutti i dispositivi collegati in casa, ma funge anche da aspiratore utile per le inaspettate fuoriuscite di fumo.

Il Kitchen Hub è dotato di telecamere rivestite, che potenzialmente consentono di impartire lezioni di cucina interattive. Naturalmente, gli utenti potranno anche trasmettere la loro playlist preferita o guardare Netflix sul dispositivo mentre preparano la cena. L’intero Hub è controllabile tramite un assistente abilitato di nome Geneva.

Hestan Cue

L’Hestan Cue è composta da tre elementi: una padella intelligente da 11 pollici, un bruciatore a induzione da 1600 watt e un’app di ricette basata su video. Hestan Cue assicura che gli aspiranti chef non brucino mai le loro uova o il pesce. Mentre gli utenti preparano una delle oltre 100 ricette caricate, la padella, il bruciatore e l’app sono in costante comunicazione tramite il Bluetooth, regolando automaticamente la temperatura ottimale mentre la guida video offre suggerimenti allo chef quando fare alcune cose al momento giusto.

Tetra

Recenti studi hanno dimostrato che lavare le stoviglie è il lavoro più stressante per una donna. Il piccolo ma potente Tetra è il punto di svolta. Ideale per la vita in città o in una piccola cucina, questa lavastoviglie da tavolo, collegata ad Internet, non richiede l’impianto idraulico ed è in grado di lavare piatti, tazze e ciotole in circa 10 minuti.

Il produttore Heatworks afferma che la tecnologia brevettata Ohmic Array di Tetra consente alla piccola lavastoviglie di riscaldare l’acqua a temperature molto al di sopra di quelle standard, consentendo teoricamente agli utenti di cucinare aragosta o altri piatti a base di pesce all’interno.

PicoBrew

PicoBrew offre dispositivi da banco che consentono di gustare la birra fresca e saporita preparata dall’utente stesso, inserendo cereali freschi, luppolo e lievito selezionati dai mastri birrai da oltre 170 celebri birrerie e ordinati tramite il sito Web di PicoBrew; dopo un ciclo di erogazione che va da due a quattro ore (e circa una settimana di gestazione), l’utente può godersi la birra fresca creata. Se gli aspiranti birrai vogliono creare una birra tutta loro, possono rinunciare ai PicoPaks e creare la propria ricetta tramite il programma FreeStyle.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi