Cambio di stagione: un buon armadio per non renderlo traumatico?

 cambio di stagione

L’autunno sta ormai per entrare, e come ogni anno, anche questo comincia ad esser tempo di cambi di stagione. Questo appuntamento fisso, si sa, ci costringe a dover fare i conti con il bilancio di quel che vale la pena tenere e di quello che vale la pena buttare, e in molti casi è anche l’occasione giusta per pensare di cambiare armadio!

Ecco allora che sorge un altro dubbio: come regolarsi per l’acquisto del nuovo armadio? Come prima cosa bisogna valutare sempre molto bene gli spazi e chiedersi quindi se il volume del nuovo mobile si incastri bene nello spazio che si ha a disposizione a casa.

Altrimenti, se riteniamo che l’acquisto di un nuovo armadio sia troppo impegnativo, possiamo anche provare ad organizzarci un po’ meglio con quello che abbiamo già a disposizione. Per esempio, proviamo a sistemare gli spazi già esistenti con l’uso di cassettiere e piccoli divisori, cosicché i panni possano essere suddivisi con logica e potranno poi essere ritrovati con una certa facilità (dividete magari i panni in base alla grandezza o alla tipologia).

Per quanto riguarda le cassettiere, prestiamo attenzione anche ai materiali. Legno e metallo sono materiali per così dire intercambiabili, a patto però che si adattino allo stile che vige nel resto della camera da letto e che riescano a convivere bene con l’armadio. E’ bene sapere però che esistono anche soluzioni un po’ meno “invasive” in plexiglass, cartone e plastica, ottime soprattutto per chi teme di dover sollevare cassettiere in legno o in metallo che per ovvie ragioni sono più ingombranti, pesanti e meno prestate ai continui spostamenti.

Insomma, nulla è impossibile se non siamo noi a renderlo tale! Per far sì che il cambio di stagione avvenga nel modo meno drammatico possibile, scegliamo un giorno (quasi) interamente dedicato a questa operazione: dedicando delle specifiche ore della giornata a questa noiosa faccenda saremo certi di avere il tempo di fare il tutto in modo ordinato e preciso, perché un buon cambio di stagione, si sa, vuole tutto tranne che la superficialità!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *